“Nel mattino che par sera”. Immagini, carte, libri di Marino Moretti crepuscolare

da | Mag 12, 2021

Marino Moretti fu autore di molti libri e narratore di grande successo, ma la sua prima celebrità – e la presenza nelle antologie scolastiche con versi rimasti nella memoria di generazioni di studenti – si deve soprattutto alle poesie scritte nel primissimo Novecento; e fu proprio a proposito di Moretti che il critico Borgese coniò la definizione di poesia “crepuscolare” che ebbe così tanta fortuna, per definire lo stile originale e un po’ dimesso di quel gruppo di giovani amici in cui lo scrittore di Cesenatico figurava insieme ad autori come Gozzano, Govoni e Palazzeschi. Questa estate, che segna il quarantesimo anniversario dalla sua morte avvenuta il 6 luglio 1979, la Casa museo “Marino Moretti”, nata grazie al suo lungimirante lascito testamentario, dedica una mostra a quella prima stagione “crepuscolare” della sua poesia che terminò proprio un secolo fa, nel 1919, quando uscì da Treves la raccolta Poesie 1905-1914, dopo la quale si aprirà la stagione dei romanzi morettiani che durerà circa un cinquantennio prima che Moretti riprenda negli anni ’70 la scrittura in versi.

La mostra è curata dalla Conservatrice di Casa Moretti Manuela Ricci con la collaborazione del Prof. Renzo Cremante, docente di Letteratura Italiana e già Direttore del Centro Manoscritti dell’Università di Pavia, ed è allestita utilizzando l’ampia documentazione di autografi, libri – spesso con le dediche di amici poeti – lettere, fotografie conservata presso la casa museo di Cesenatico, che nella sua molteplice dimensione di museo, biblioteca, archivio e centro culturale è in Italia anche uno degli esempi più noti e attivi di casa-museo.

L’esposizione si inserisce nel fitto e qualificato programma di iniziative che l’Assessorato alla Cultura della città di Marino Moretti ha voluto dedicare al suo scrittore per celebrare i quarant’anni dalla scomparsa: il Premio “Marino Moretti” di filologia e critica letteraria, la cui premiazione sarà alla fine di ottobre insieme ad un convegno di studi; le serate estive di poesia della “Serenata delle Zanzare”; la riedizione del libro Poesie 1905-1914; alle quali si aggiunge la consueta attività di supporto alla ricerca e di acquisizione dei materiali morettiani.

La mostra è stata prorogata sino al 12 gennaio, con il consueto orario di apertura sabato domenica e festivi dalle 15:30 alle 18:30, e con apertura straordinaria tutti i giorni dal 24 dicembre al 6 gennaio col medesimo orario. L’ingresso è libero.

Info e contatti: casamoretti@comune.cesenatico.fc.it

Condividi:

Ti potrebbe interessare anche

Serenata delle Zanzare 2022
14/06/2022

La serenata delle zanzare 2022. Ritorni

Col titolo «Ritorni», Casa Moretti propone al pubblico dell’estate una nuova edizione della rassegna di incontri della «Serenata delle zanzare». Si tratta anzitutto di un ritorno negli spazi, domestici e[...]

Leggi di più
logo-marineria-verticale-bianco (1)